Home

TEMA DEL SITO

Alpi Ubaldine o Alpes Ubaldinorum

Ubaldini-sig02

Lo spunto per la pubblicazione di un sito dedicato alle Alpi Ubaldine, nasce dalla notizia storica, riportata dal Repetti, che, citando il Villani, afferma l’esistenza di ben 33 castelli appartenenti alla consorteria degli Ubaldini nel territorio del Comune di Firenzuola, producendone elenco dettagliato dei relativi toponimi (cfr. relativa scheda).

Considerato che nella tradizione locale la memoria di siti castellani era molto più limitata, sorgeva il dubbio e la curiosità di avvalorare quanto affermato dalle rispettabili fonti storiografiche.

Le indagini bibliografiche, toponomastiche e cartografiche intraprese hanno confermato la numerosa presenza di insediamenti castellani nel territorio di Firenzuola, ma l’originalità della ricerca è costituita dalla referenziazione territoriale dei siti individuati dalle fonti. I luoghi imputati  sono stati visitati, rilevando e documentando fotograficamente la presenza in superficie di manufatti o di tracce insediative imputabili al periodo storico di nostro interesse.

Nel seguire la presentazione occorre tener presente alcune pregiudiziali:

¨  La toponomastica dei castelli è arrivata a noi attraverso strumenti cartografici di differente età, atti notarili, che hanno usato i nomi dei luoghi in uso al tempo della loro redazione, da citazioni  dei testi storici, che alcune volte usano denominazioni imprecise od, in fine, dalla tradizione orale.

¨ I testi riportano fedeli citazioni delle varie pubblicazioni consultate e riferite, soltanto la scrittura in corsivo è testo originale dell’autore

¨ Le fonti sono costituite da pubblicazioni storiche o narrative, librarie od informatiche, reperite dall’autore in merito ai temi trattati. Il loro carattere non sempre referenziabile le rende più o meno attendibili ai fini storico scientifici.

¨  I castelli Ubaldini, nell’arco del secolo XIV passarono tutti sotto il potere dalla Repubblica Fiorentina: conquistati militarmente, comprati o barattati e nel tempo, sistematicamente demoliti.

¨  I ruderi costituirono, fino a pochi lustri fa,  materiale edilizio di prelievo o luoghi di insensato saccheggio, nella ricerca di cimeli o fantasiosi tesori, per cui soltanto nei luoghi più impervi sono rimasti resti visibili.

Comune-map1

 

 

Un pensiero su “Home”

Rispondi a Franco Poli Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>